10 cose che ho amato dell’Albania e della macedonia e…

BANDIERA VERDE

1. La gente: In Albania abbiamo trovato moltissime persone super disponibili e pronte ad aiutarci.
Spesso nel vederci persi ci veniva offerto aiuto prima che lo chiedessimo anche da chi non parlava lingue straniere. Talvolta la gentilezza andava oltre la disponibilità ad aiutare e si trasformava in vera e propria ospitalità disinteressata, l’abbiamo notato sopratutto nei paesi meno turistici e ci ha stupito e fatto piacere. Non ci sono posti in cui ci siamo sentiti in pericolo o in particolare difficoltà. Inoltre c’è una notevole passione per l’Italia e un’ammirazione ( a mio parere in gran parte immeritata ) per il popolo Italiano.

2. Lo Llogara Pass: Una strada meravigliosa sopratutto da fare in moto. Non sarà nota come altre simili forse perchè non è lunghissima ma vedere i monti che si tuffano nel mare offre uno spettacolo senza pari.

3. Le strade di montagna: tutte curve e un po’ impervie. Mi sono innamorata del tragitto tra Gjirokaster e Korca che ci ha offerto meravigliosi paesaggi e un po’ di natura incontaminata.per saperne di più

4.Le polpette ripiene di formaggio (Qofte me djath): davvero ottime, la carne in Albania e in Macedonia offre grandi soddisfazioni ma queste polpette arrostite con all’interno un formaggio simile alla feta ma più stagionato ci sono piaciute davvero tanto.

5. Le cozze: per restare in tema culinario io ho apprezzato particolarmente le cozze del lago salato di Butrinto dove questi mitili sono allevati da moltissimo tempo.

6. La sensazione di rinascita: sebbene abbia dei contro piuttosto consistenti la sensazione di rinascita e rinnovamento permea tutta l’Albania. Dopo gli anni del regime di Hoxha e dopo l’anarchia è evidente che il paese è in piena rinascita, fioriscono attività in ogni dove e qualsiasi parvenza di innovazione è accolta a braccia aperte.

7. I paesaggi... non vi rimane che sbirciare le foto del blog… sia le città che la Natura offrono scorci di tutto rispetto.

8. I siti archeologici: sebbene spesso non siano valorizzati tra Albania e Macedonia troverete delle meraviglie da mozzare il fiato e oso solo immaginare cos’altro potrebbe celarsi nascosto sotto strati e strati di terra.

9. Il Lago Ocrida: uno dei laghi più antichi d’Europa con un ecosistema particolare in cui si trovano piante ed animali che esistono solo qui.
I paesaggi che offre sono magnifici, le sue acque pescose, siamo riusciti a farci anche il bagno è una delle zone dell’Albania che ho preferito, perchè ancora particolarmente genuina e anche la parte Macedone è splendida.per saperne di più

10.La commistione tra vecchio e nuovo: non parlo degli orribili palazzi che violentano l’orizzonte di Saranda, piuttosto del vedere un contadino portare indisturbato le sue mucche al pascolo passeggiando a lato di un’autostrada e non è uno spettacolo poco frequente.

BANDIERA GIALLA PER:

1. Traffico: caotico disordinato e indisciplinato il traffico in Albania potrebbe sembrare un vero problema. Per chi, come noi, va in moto non lo è affatto dato che la gente tende ad essere molto gentile con i motociclisti agevolandone il passaggio. Per chi viaggia in macchina nonostante il caos si tratta di un traffico più lento che pericoloso, le rotonde sono una tragedia spesso abbiamo notato la tendenza a dare sempre la precedenza a destra (traffico entrante) bloccando così l’intera rotatoria. I vigili abbondano, ci è stato detto che è facile essere multati se stranieri ma noi non abbiamo avuto alcun problema.

2. L’acqua: in diversi posti ci è stato raccomandato di non bere l’acqua del rubinetto e sconsigliato di mangiare vegetali freschi in ristoranti che non fossero turistici o di un certo livello. Se abbiamo cercato di seguire la prima delle due raccomandazioni ce ne siamo fregati altamente della seconda senza avere peraltro nessun tipo di problema.

BANDIERA ROSSA PER:

1. La costruzione inarrestabile e scriteriata che sta rendendo zone meravigliose simili a dormitori. Scheletri di alberghi mezzi costruiti sul mare, ecomostri in ogni dove, se possiamo comprendere i motivi di questo bum edilizio è altrettanto evidente che in futuro l’Albania potrebbe pentirsi di questo scempio.

Sognatrice, aspirante scrittrice, gattofila, convinta viaggiatrice, fotografa pasticciona con una passione sconsiderata per il cinema e per le lettere, quelle vere, scritte a mano. Da che mi ricordi amo raccontare storie, andare in moto, vagare e fare troppe cose nello stesso momento.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *