Museo Fisogni, un gioiellino nel cuore di Tradate

Volete sapere chi vendeva la benzina in Italia agli albori? Che regali venivano fatti al cliente fedele che si riforniva sempre nello stesso posto prima dell’avvento della raccolta punti? Se il cavallo nell’insegna della Mobiloil è maschio o femmina o ancora come si chiamavano i vari tipi di benzina durante il fascismo? Volete scoprire queste cose e tante, tante altre ancora?
A Tradate (Varese) esiste un museo in cui gran parte delle vostre curiosità sui distributori di benzina possono trovare risposta e vale una visita anche di chi pensa che l’argomento sia poco interessante.
Noi ci siamo capitati quasi per caso in coincidenza con le giornate del FAI di primavera e ci ha stupito di scoprire un posto così interessante tanto vicino a casa…
Tre buoni motivi per non perdere l’occasione di visitare questo museo:
E’ il museo di questo genere più completo al MONDO infatti è stato inserito nel Guinnes dei primati.
2. Include più di 5000 pezzi e non sono solo distributori ma ogni cosa che concerne l’area di servizio. Girare tra le sue stanze gremite di oggetti strani e curiosità è davvero singolare, troverete un posto bello e interessante, in cui perdervi e stupirvi.
3. Il museo è situato in una location d’eccezione: una splendida villa antica. Noi abbiamo avuto la fortuna di essere guidati nella visita del museo da colui che l’ha fatto nascere, il signor Fisogni che ci ha regalato dettagli e curiosità sui pezzi esposti.
Non serve però aspettare la prossima apertura del FAI per visitare questo interessante museo, esso è infatti aperto la Domenica
mattina sempre e altri giorni su prenotazione, in ogni caso per i dettagli tecnici vi rimando al loro sito che è peraltro molto ben
fatto.http://www.museo-fisogni.org/

 

 

 

 

Sognatrice, aspirante scrittrice, gattofila, convinta viaggiatrice, fotografa pasticciona con una passione sconsiderata per il cinema e per le lettere, quelle vere, scritte a mano. Da che mi ricordi amo raccontare storie, andare in moto, vagare e fare troppe cose nello stesso momento.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *