Gita alla Fabbrica della birra…

Sono già passate due settimane dalla bellissima gita alla fabbrica della birra Poretti ad Induno Olona in provincia di Varese.
Era da un po’ che attendavamo di trovare due posti liberi il Sabato pomeriggio per poterci dedicare a questo tour da veri appassionati, prenotare è semplice ma i posti sono molto ambiti. Se volete provarci è sufficiente seguire le istruzioni presenti sul loro sito e portare la mail di conferma, il prezzo è di 8 euro e ne vale davvero la pena (link prenotazione, sopratutto per il Sabato è necessario un certo anticipo, il calendario viene aggiornato man mano).
Se siete della zona sicuramente andando da Varese verso la Valganna vi sarà capitato di vedere la bellissima struttura liberty di stampo tedesco con i mascheroni e i luppoli stilizzati, a noi è sempre piaciuta molto ed è stato interessante scoprirne i segreti.
Sarete guidati attraverso le varie zone aperte al pubblico da due ragazza gentilissime della cooperativa “Sull’Arte” che vi racconteranno come viene prodotta la birra, la storia del marchio Poretti (ora di proprietà di Calsberg) e vi daranno informazioni artistiche e architettoniche sulle strutture originali (Sull’Arte, organizzano anche altre belle gite in zona).
Vi farà restare a bocca aperta la “sala cotture” ancora utilizzata per i processi di produzione che è stata soggetta a una ristrutturazione che ne ha mantenuto invariata il più possibile la struttura pur preservandone la funzionalità.
Alla fine del tour, nel bar ideato per Expo e spostato in Villa Magnani, potrete assaggiare le varie birre qui prodotte e scoprirne i tratti distintivi, all’interno della fabbrica è anche presente un punto vendita dove potrete acquistare a dei prezzi decisamente vantaggiosi.
Per noi è stata una bellissima visita, un sabato pomeriggio da ricordare!

Esterno

 

 

Sala cottura

 

 

 

villa

 

 

Sognatrice, aspirante scrittrice, gattofila, convinta viaggiatrice, fotografa pasticciona con una passione sconsiderata per il cinema e per le lettere, quelle vere, scritte a mano. Da che mi ricordi amo raccontare storie, andare in moto, vagare e fare troppe cose nello stesso momento.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *