Curiglia e Monteviasco, un paese senza strade…

Un pomeriggio diverso, un giro in moto autunnale e la scoperta di due bei borghi della provincia di Varese.
Ci hanno parlato di questo paesello isolato in cima ad un monte e la curiosità ha il sopravvento, quando arriviamo a Curiglia, però, c’è in ballo una festa in paese e la tentazione di berci una birretta è forte, vaghiamo per le strade del paesino, è ancora presto manca parecchio tempo al tramonto.
Ma nel circolo del paese danno la gara di Moto Gp e ciò implica che la nostra partenza per Monteviasco, mio malgrado, slitti di un’ulteriore ora e così la piacevole passeggiata diventa una corsa contro il buio.
Monteviasco è una frazione di Curiglia completamente isolata, non ci sono strade asfaltate che ci arrivano, solo una mulattiera di 1300 gradini non percorribile da mezzi motorizzati.
Per farla a piedi ci vogliono circa 45 minuti ma se chiedete indicazioni a qualcuno vi dirà allegramente “ in meno di mezz’ora siete su” perché tutto dipende dall’allenamento, non è un sentiero difficile ma è piuttosto ripido, si snoda tra i boschi, completamente in ombra, immagino sia piacevolmente fresco nelle giornate afose d’estate.
La mulattiera parte di fianco alla funivia, la trovate scendendo dalla discesa fuori dal paese di Curiglia verso Ponte di Piero, se volete arrivare a Monteviasco senza a far troppa fatica una buona idea è, almeno per salire approfittare di una delle molteplici corse presenti durante la giornata, se siete dei possessori della “Io viaggio in Lombardia” dovrebbe anche essere inclusa nel vostro abbonamento (orari e altre infoio viaggio ovunque in Lombardia  )
La vista dal paese merita un salto, nonostante i residenti fissi siano una decina ci sono luoghi di ristoro, la vista è bella e da qui partono diversi itinerari pedonali per le montagne vicine. Che dire…. una domenica piacevole, un po’ diversa, un giro da rifare d’estate con più calma abbinandoci magari una bella camminata e un pic-nic

Meridiana Curiglia
 
Curiglia

 

Curiglia

 

Mulattiera

 

Vista Monteviasco

 

Strada Monteviasco
 
 

Sognatrice, aspirante scrittrice, gattofila, convinta viaggiatrice, fotografa pasticciona con una passione sconsiderata per il cinema e per le lettere, quelle vere, scritte a mano. Da che mi ricordi amo raccontare storie, andare in moto, vagare e fare troppe cose nello stesso momento.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *