Gita in Val Grande

DATA: Febbraio 2013

Week end all’ombra dei monti (e della nebbia)

 

VOGOGNA: Piccolo borgo di circa 1000 abitanti situato in Val d’Ossola. Un tempo fu la capitale dell’Ossola Inferiore ora è un grazioso paesello dalle vie strette a acciottolate. E’ stato classificato tra i borghi più belli d’Italia e, sicuramente, decidendo di visitarlo in primavera o estate, la visita durerebbe più dell’ora scarsa che noi siamo riusciti a dedicargli.
Il monumento più interessante del borgo è infatti, il castello Visconteo visitabile solo durante la stagione calda, noi ci siamo accontentati di leggere i simpatici cartelli esplicativi che ne raccontano la storia.
Ci siamo così informati, ma solo dall’esterno, anche sulle sorti del palazzo pretorio e sul passato del borgo stesso. Gli unici monumenti visitabili in questo periodo sono le chiese e vi è la possibilità di salire alla Rocca; da Vogogna partono inoltre diversi interessanti sentieri che ci siamo ripromessi di esplorare in un periodo più consono e meno nebbioso.
Vogogna offre possibilità di pernottamento ( sia all’interno del paesello stesso sia nelle immediate vicinanze) e vi sono diversi ristoranti. Noi abbiamo preso un panino nel Bar della Stazione e ci siamo visti recapitare una sorta di schiacciata composta da due dischi di pasta della pizza abbondantemente riempiti, davvero ottimo.
Data la scarsa vita incontrata per le vie del paese (unici esseri viventi due gatti piuttosto schivi tra l’altro) decidiamo per la serata di recarci a Santa Maria Maggiore.
 

 

SANTA MARIA MAGGIORE: A Santa Maria Maggiore abbiamo fatto un giro veloce. In serata fuggiamo dai gatti di Vogogna alla ricerca di un po’ di vita. In internet leggiamo che Santa Maria Maggiore ha aderito a “M’illumino di meno” (interessante iniziativa a sostegno del risparmio energetico) e decidiamo di andare un’occhiata. Purtroppo arriviamo troppo tardi per poter visitare il Museo dello Spazzacamino o partecipare alle altre belle iniziative. Decidiamo però di concederci una cena che non sia a base di pizza ,dato il soddisfacente panino mangiato a mezzo giorno. Dopo aver vagato un po’ per il centro ci infiliamo da “Branin”, ci sembra tra tutti quello con atmosfera più tranquilla e meno pretenziosa. Ci siamo trovati piuttosto soddisfatti, in particolare i dolci erano buonissimi. Da segnalare che non c’è un menù è la proprietaria a elencare i piatti (cioè non si è immediatamente a conoscenza dei prezzi a meno di chiederli direttamente). Finiamo la serata passeggiando per le vie innevate del centro. Sulla via del ritorno (a Trontano per l’esattezza) ci fermiamo alla locanda del vichingo ( bar pizzeria e affittacamere) vivamente consigliata, bell’ambiente e ottimo rapporto qualità prezzo.

M’ILLUMINO DI MENO a San Valentino

 

Museo dello Spazza Camino

 

DOMODOSSOLA: Giro velocissimo per Domodossola, il tempo uggioso del mattino ci fa passare la voglia di fare la passeggiata del monte Calvario, che ci hanno consigliato la sera precedente (Simile a un Sacro Monte). Giriamo per le vie del centro della Domenica in tarda mattinata, fortunatamente per chi ci vive e lavora, a Domodossola c’è ancora la meravigliosa abitudine di tenere in negozi chiusi la Domenica. In effetti è tutto chiuso anche molti bar e per le vie del centro non c’è moltissima gente, ne approfittiamo per farci una passeggiata tranquilla, fermarci a bere un caffè e ripartire alla volta di Mergozzo, per vedere il lago e fare un giro per le vie del piccolo borgo che immaginiamo “alquanto affollate”.
il lago ci piace moltissimo e anche il paesino, decidiamo di tornarci in estate per farci un bagno dato che il lago è balneabile e sono ammessi solo veicoli non a motore sulle sue acque. 
Nel tardo pomeriggio stanchi morti decidiamo di rientrare.

Lago di Mergozzo




 

Sognatrice, aspirante scrittrice, gattofila, convinta viaggiatrice, fotografa pasticciona con una passione sconsiderata per il cinema e per le lettere, quelle vere, scritte a mano. Da che mi ricordi amo raccontare storie, andare in moto, vagare e fare troppe cose nello stesso momento.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *