Ungheria: laghi, zanzare e zucchero a velo in tecnicolor

  • PTUJ. Il centro è vivace e colorato. Ospita un festival di arte contemporanea che coinvolge tutto il paese riempiendolo di vivaci istallazioni. Può essere ideale per una passeggiata o per una sosta più lunga che vi permetterà di mangiare qualcosa alla pasticceria anarchica (un bel dito medio o un pasticcino fatto a forma di cacca ad esempio) di godervi i musei del centro o il festival di cui dicevamo sopra ( credo si svolga sempre in agosto) , bervi una birra o fermarvi a dormire in un bel B&B dall’asfalto variopinto sul davanti e dall’aria somigliante a un caffè parigino. Noi abbiamo corso e ci siamo limitati a goderci la vista dal campanile!
  • Qui la pizza prevede il ketchup… può piacere o non piacere a noi non è piaciuta…però i dolci e le focacce locali sono gustose ed economiche… lasciate perdere la cucina Italiana siete in Slovenia… e nella loro di cucina il ketchup non ce lo mettono mica!
  • Se andate dalla Slovenia all’UNGHERIA in autostrada, sappiate che probabilmente vi accorgerete di aver cambiato stato solo perchè i cartelli diventano blù, state all’occhio! Anche qui c’è da fare la vignetta e la multa è molto molto salata! (noi non ce ne siamo accorti e ci siamo precipitati fuori dall’autostrada tra i campi, qui l’unico distributore era da far west con taniche di benzina in plastica… ma questa è un’altra storia)
  • Lago di Haviz, non ci siamo arrivati ma ci sarebbe tanto piaciuto, lago di acqua termale calda dove si può con modesta spesa fare il bagno con grossi salvagente… non so dirvi altro con molto dispiacere l’abbiamo mancato
  • Lago Balaton. Vi sentirete precipitare nella Rimini degli anni 50.Località di villeggiatura un po’ in disuso, ha un suo fascino forse leggermente decadente. Il lago è bello, e se non trovate un vento gelido come noi potete anche godervi un bel bagno. Se no assaggiate lo zucchero a filato in 10 colori e gusti diversi, io l’ho visto fare solo qui! Ci sono moltissimi campeggi, tante stanze in affitto, qualche campo se volete fare campeggio libero (non è legale in Ungheria però) e se decidete di comprare una casa c’è l’imbarazzo della scelta la maggior parte sono in vendita.
  • Attenti alle zanzare, grosse come pipistrelli e assetate del vostro sangue esotico!

 

Festival a Ptuj

 

Il campanile

 

La pasticceria anarchica

 

Asfalto

Sognatrice, aspirante scrittrice, gattofila, convinta viaggiatrice, fotografa pasticciona con una passione sconsiderata per il cinema e per le lettere, quelle vere, scritte a mano. Da che mi ricordi amo raccontare storie, andare in moto, vagare e fare troppe cose nello stesso momento.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *