Due giorni nella bella Belgrado

  • Belgrado è più GRIGIA di Milano ed è una metropoli, non pensate di trovare un cittadina il cui centro sia facilmente raggiungibile, non è così, potreste perdervi in dedali di vialoni tutti uguali, e se come noi non avete ancora prenotato un posto dove dormire sarà più che necessario che vi muniate di calma e sangue freddo.
  • Se decidete di cercare un OSTELLO, non fatevi impressionare, entrerete in palazzoni dall’aria decadente, con scale grige e non sempre di una pulizia impeccabile, qualche volta l’ostello sarà al quarto piano senza ascensore ma una volta che un ragazzo sorridente o una vecchietta sciancata vi aprirà la porta, chiedete sempre di buttare un occhio alla camera. Quello che potreste trovare va da uno splendo ostello decorato in stile pop art a un appartamento degli anni 50 mai pulito da allora (nemmeno il bagno!!!!)… a noi sono successe entrambe le cose 😉 Se più o meno sapete i giorni da passare qui, potreste valutare la possibilità di prenotare, molte strutture danno la facoltà di disdire gratuitamente fino a un paio di giorni prima. Dato che non è facile trovare uno spazio per la MOTO che non sia in strada ( e io in strada non la lascerei)… con il senno di poi credo sia la migliore delle idee. ( è contro la mia deontologia.. ma questo va detto… non andate allo Sweet Dream! È quello del cui bagno ho accennato sopra… BRRRRR)
  • Andate alla FORTEZZA (o cittadina di Kalemegdan)… c’è il museo della guerra (o delle armi che dir si voglia), e quello può interessare o meno,,, ma c’è anche un bellissimo parco dal quale su gode una discreta vista sulla città…esplorate il posto è ricco di sorprese… carri armati, resti di bombe, tombe turche, monumenti e i grande pozzo!
  • Passeggiate per il VIALE pedonale Knez Mihailova turistico sì ma pieno di gente di tutti i tipi. Potreste incontrare anche Godot… un vecchietto con la barba bianca che porta a spasso una scarpa.
  • Non sto a descrivervi i vari monumenti, la Lonely Planet ( o il touring club o la Michelin insomma tutte queste brave guide) lo fa sicuramente in modo più puntuale di me… non c’è che dire…
  • Se “andate a farvi una PASSEGGIATA” evitate di partire senza avere idea di dove state andando ( con il vago obbiettivo della tomba di Tito) ma con un ottimo argomento di conversazione, di quelli che vi fanno dimenticare di star mettendo un piede dietro l’altro da tempo indefinito sotto il sol leone di ferragosto… potreste trovarvi a 10km dal centro in un quartiere popolare di periferia dove da vedere non c’è nulla …. assolutamente nulla (e dove non c’è traccia di tomba alcuna)! Valutate il fatto che bisogna anche tornare indietro… urge trovare un nuovo buon argomento di conversazione!
  • Andate alla SKADARSKA a mangiare qualcosa la sera, non è economica ma nemmeno cara, vi troverete con gente che suona il violino intorno, ottimi piatti tipici una bella atmosfera di festa. C’è chi la definisce la Montmartre serba, non saprei dirvi a noi è piaciuta. Ah dovrebbe esserci il ristorante dell’associazione Scrittori Serbi… se vi interessa…
  • Sull’isola di SAVA c’è un bellissimo parco, si può nuotare nel lago, girare in bici e praticare altri sport. Noi non abbiamo fatto in tempo a visitarla ( ci siamo addormentati distrutti come due vecchietti sul letto e ci siamo svegliati dopo 12 ore di sonno il giorno seguente… non ci sono più i giovani di una volta!)… Ah qui dovrebbe svolgersi anche la famosa FESTA DELLA BIRRA di Belgrado di solito nei giorni di ferragosto; con musica Rock, jelen pivo (la birra del cervo) e un sacco di gente!
  • Dicono che a Belgrado ci siano delle fantastiche DISCOTECHE e un elettrizzante vita notturna… datemela per buona… non ne ho idea… le discoteche non mi piacevano nemmeno a 14 anni e sull’elettrizzante vita notturna ehm… guardare il punto precedente
  • Motociclisti.. un poliziotto ha tenuto a dirci che le moto non pagano nemmeno qui il parcheggio!
  • Andate al ? Kafana tipica e dallo strano nome, derivante dal fatto che i prelati della cattedrale (che si trova davanti) impedirono al proprietario di chiamarlo caffè della cattedrale e lui decise provvisoriamente di sostituire il nome con un ?,… non ha mai avuto  bisogno di trovarne un altro!

    statue in centro a Belgrad0
    La fortezza
    la moto al sicuro fotografata dalla nostra finestra
    Mascotte di viaggio al ?
    Tramonto dalle mura
    Cattedrale
    Ricordo della guerra…

Sognatrice, aspirante scrittrice, gattofila, convinta viaggiatrice, fotografa pasticciona con una passione sconsiderata per il cinema e per le lettere, quelle vere, scritte a mano. Da che mi ricordi amo raccontare storie, andare in moto, vagare e fare troppe cose nello stesso momento.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *